Konrad Hesse, La posizione costituzionale dei partiti politici nello Stato moderno

La posizione costituzionale dei partiti politici nello Stato moderno

A cura di Giorgio Grasso
pp. 73 Euro 12

Nel 1958, al Convegno dell’Associazione dei professori tedeschi di Diritto pubblico tenutosi a Vienna, Konrad Hesse tenne una relazione, poi divenuta un celebre saggio, nella quale, soprattutto avendo a mente il nuovo Grundgesetz della Repubblica Federale, affrontava i complessi rapporti tra la realtà sociale dei partiti e l’ordinamento costituzionale dello Stato con i suoi fondamentali principi di democrazia e di eguaglianza. L’allievo di Rudolf Smend e futuro giudice costituzionale, non senza confrontarsi con i contributi di Gerhard Leibholz e di Ernst Forsthoff, riannodava il proprio discorso all’idea d’integrazione già formulata ne La forza normativa della costituzione (vedi il primo volume di questa collana) e apriva così una nuova prospettiva.

Tomas Tranströmer Walter Flex Ernst Jünger Hans Georg Gadamer Hermann Löns Hugo Von Hoffmannstah Csokor Theodor J. W. Goethe Carl Von Linné Janko Leskovar Erich Kaufmann